Piazza Umberto I - Scordia CT

Piazza Umberto I - Scordia CT

mercoledì 23 gennaio 2013

Risveglio


Quando la terra rinverde i prati 
 e il sole la illumina d'immenso
anche i rami mozzati dal vento
germogliano.

Elvira Nania


lunedì 21 gennaio 2013

L'antico lampione




In un vecchio viale 
solitario
sospeso nell'aria bruna 
immobile
 sta un antico lampione.  

Brilla di luce intensa
calda  
e ogni angolo della città
 illumina.

Ridona a ciascun'ombra
forma e colore 
e il lungo tempo d'attesa 
si rasserena.

Elvira Nania 

A piedi nudi


A piedi nudi lascerò correre i miei passi lungo il sentiero del domani... Silente, spiegherò al vento le ali dei sogni e dalle ombre della notte lascerò fuggire ogni vana illusione...affiderò al tempo le pagine bianche di un libro rimasto incompiuto…

A piedi nudi mi accosterò alla luce del sole, al sorriso della luna e alle promesse delle stelle nascenti, percorrendo le vie del firmamento su placide nuvole andanti qua e là ... sussurrerò a loro le gelide note del mio silenzio...

A piedi nudi intesserò la trama di una favola...danzando tra il profumo di fili d’erba dorata e il  festoso mormorio di acque sorgive..Rimirerò gli antichi riflessi della mia giovane età, dai primi bagliori dell'alba fino alle ultime ore del tramonto...

A piedi nudi invocherò il cielo e ringrazierò la terra..raccoglierò i frutti maturati sui rami dell'Albero della Vita, alimenterò ancora le sue stanche radici nell'attesa di nuova stagione... e sul manto ancora verde seminerò le ultime briciole di gioia rimaste nel palmo della mia mano...

Elvira Nania








giovedì 10 gennaio 2013

A Gennaio


Nevica sulle alte vette dei monti
sugli antichi bordi dei campanili
 sui rami sfioriti degli alberi spogli.

Nevica, com'esuli pensieri erranti . . . 

Nevica, nevica nell'aria incolore. . .
sulle tacite foglie rapite dal vento
e sulle gelide vie percorse dal tempo.

Elvira Nania 

mercoledì 9 gennaio 2013

Il mio Compleanno . . .


E’ trascorso un altro anno e puntualmente è arrivato il mio compleanno!
Il tempo continuerà a fuggire ed io lo seguirò a passi lenti verso un nuovo sentiero...
Il sole, l’aria, il cielo e la terra profumano di vita …..

Elvira Nania 




domenica 6 gennaio 2013

Epifania nell'Arte

Alcuni Magi giunsero da Oriente a Gerusalemme e domandavano: «Dov’è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Vangelo di Matteo 2,1b-2)




Beato AngelicoFilippo LippiTondo Cook – National Gallery of Art di Washington


Nell'arte la Visita dei Re Magi  è rappresentata con il titolo "Adorazione dei Magi".
E' una scena in cui i nostri artisti, appartenenti ad epoche diverse, raccontano nelle  loro opere   l'umano e  il divino Avvenimento accostando luci e colori semplici ma raffinati. 




File:Gentile da fabriano, adorazione dei magi.jpg


L’Adorazione dei Magi dipinta da Gentile da Fabriano nel 1423 (Firenze, 
Galleria degli Uffizi) illustra egregiamente lo spirito della civiltà tardo-gotica, come ben si vede, tutto è eleganza, raffinatezza, decorativismo. Verso la capanna con la Sacra Famiglia,nella sinistra, si dirige un lungo ed affollato corteo, preceduto dai Re Magi. Si rimane affascinati dalla  brillantezza dei colori, dalla luminosità dell'oro, dalla ricchezza dei dettagli, gioielli e stoffe lussuose ricamate in oro e in argento rendono la scena religiosa quasi fiabesca. 
Ai piedi di Gesù si prostrano i tre Re Magi. 
Il primo, il più anziano, ha già deposto la corona davanti alla Sacra Famiglia e il suo dono è già tra le mani delle servitrici. 
Il secondo, di età matura, sta per inginocchiarsi e con la mano destra sta sfilandosi la corona, mentre con la sinistra tiene il calice dorato col suo dono.
Il terzo è appena sceso da cavallo, un servitore gli sta infatti smontando gli speroni e con lo sguardo rivolto verso Gesù Bambino tiene in mano un'ampolla d'oro pronta per la consegna.  
L'opera artistica di Gentile fu ritenuta il culmine della pittura moderna. 




Quasi sessant'anni dopo, tra il 1481 e il 1482, il grande Leonardo da Vinci inizia a Firenze un'Adorazione dei Magi (Firenze, Galleria degli Uffizi), ma  la lascia incompiuta perchè deve partire per Milano, infatti, sulla tavola rimane solo il disegno preparatorio, anche se molto dettagliato.
Leonardo è un innovatore del linguaggio artistico rinascimentale. A lui che analizza la realtà con occhi attenti e curiosi di uno scienziato, non interessa raccontare la scena dell'Adorazione come  un fatto storico ma piuttosto capire e rappresentare il vero significato della Nascita di Gesù e le sue conseguenze sull'umanità, ecco perchè rappresenta la scena dell'Epifania, come manifestazione del Divino. 
Come ben si vede, Leonardo abbandona lo schema tradizionale del corteo e della capanna; colloca al centro della scena la Madonna col Bambino e intorno numerosi personaggi che con i loro gesti e con le  loro espressioni mostrano una profonda emozione. 
La manifestazione della Divinità è un fatto eccezionale che sconvolge il corso naturale delle cose e la vita degli uomini, ed ecco che qui Leonardo cambia il cammino della Storia; infatti nella parte superiore del dipinto si intravede una battaglia di cavalieri davanti ad un edificio in rovina che allude alla fine del mondo pagano. 

Un secolo dopo, 1582, a Venezia, l'artista Jacopo Tintoretto dipinge una Adorazione dei Magi per la Sala Terrena della "Scuola Grande di San Rocco". Siamo nel periodo del Tardo Manierismo o della Maniera, quando l'Arte diventa espressione di spiritualità della Chiesa Cattolica. 
In questa tela, tutto è mistero, spiritualità, profondo senso del sacro. 
Questo effetto è dato dall'uso suggestivo della luce. In primo piano la luce emanata dal corpo di Gesù e, lottando con l'ombra profonda del crepuscolo, mette in evidenza i gesti e le emozioni dei Magi e degli altri protagonisti.
Sul fondo il corteo dei Magi è quasi un'apparizione fantastica, con figure trasparenti senza peso, costruite con pennellate rapide e spezzate, ma luminose. Quello che vediamo è veramente uno spazio dell'anima, espressione interiore dell'artista  veneziano. 


Adorazione dei pastori, nota anche come Adorazione dei Magi.  
Quest'opera fu realizzata da Michelangelo Merisi detto Caravaggio nel 1609 ed è collocata presso il Museo Regionale di Messina. 
E' considerata una delle  opere più intime e rappresentative dell'artista nonchè la capostipite del genere della Natività Povera che conoscerà un grande sviluppo nel corso del secolo e di quello successivo.
La scena è ambientata all'interno di una stalla: Maria, sfinita dal viaggio e dal parto, giace sdraiata per terra, e regge in grembo il Bambinello che dorme. Dinanzi a loro, San Giuseppe ed i pastori mentre sullo sfondo il bue e l'asino fungono quasi da quinta insieme alla mangiatoia. Tutta la povera ed umile ambientazione è però improvvisamente illuminata dalla luce divina emanata dal Bambinello Gesù. 

L'opera venne eseguita durante il passaggio dell'artista dalla Sicilia, in seguito alla sua fuga dalle prigioni di Malta. Nel corso del suo breve soggiorno a Messina, Caravaggio ricevette dal senato della città l'incarico di realizzare una pala d'altare per l'altare maggiore della Chiesa di Santa Maria della Concezione, retta dai padri Cappuccini. In cambio, il senato prometteva all'artista il compenso di mille scudi, una delle più alte cifre della sua carriera.






Al 1753 risale la grande Adorazione dei Magi (Munchen, Alte Pinakothek) dipinta da Giovan Battista Tiepolo, uno dei più famosi rappresentanti della pittura veneta nell'epoca dominata dal gusto rocaille (tardo-barocco).
Lontana sia dalla spiritualità che dalla razionalità degli esempi del passato, si presenta quasi come una rappresentazione nuova, teatrale. L'opera si presenta molto raffinata nei dettagli: la luminosità della Vergine che si contrappone agli abiti scuri di San Giuseppe; la figura del Moro in primo piano, con il turbante rosso e gli abiti lussuosi; la macchia brillante della veste dorata del Mago inginocchiato davanti alla Madonna. I colori sono squillanti, splendenti contrastanti col chiaroscuro ambientale. La bellezza della pittura rivela le emozioni e la  spiritualità della scena. È un'opera realizzata non solo per soddisfare il gusto per i colori e per l'arte, tipico elemento che domina buona parte del XVIII secolo, ma soprattutto evidenzia la spiritualità e lo splendore della nuova forma artistica.   


Buona Epifania a Tutti!!

Elvira Nania 







mercoledì 2 gennaio 2013

Puzzle




Ricompongo lentamente la realtà,
su un ampio tessuto incolore,
con frammenti di pallide illusioni.

Come tasselli affini, ma esitanti,
s’incastrano nei meandri di un sogno
nell’attesa dell’ultimo pezzo mancante.

Elvira Nania